Venerdì 21 sciopero nazionale USB della Sanità pubblica e privata. Lavoratori in piazza in tutta Italia

Nazionale -

Venerdì 21 maggio sciopero nazionale della sanità pubblica e privata, proclamato dall’Unione Sindacale di Base in occasione del Global Health Summit del G20, che si terrà a Roma.

I proclami lanciati dall’inizio dell’emergenza Covid-19 sono rimasti parole al vento. Nessun cambio di strategia, nessun ritorno alla centralità della sanità pubblica, nessuno sviluppo della medicina di prossimità, niente per i lavoratori del settore, retrocessi da “eroi” a “scocciatori”.

Il governo Draghi dice chiaramente che si torna all’antico: la riduzione della spesa sanitaria 2022-2024 al 6,3% del Pil significa che i precari resteranno precari, che i posti letto delle terapie intensive non aumenteranno, che la pandemia di Covid-19 non ha insegnato nulla. L’Italia continuerà a spendere meno della media UE e a scontare decenni di tagli di ospedali, posti letto e personale. I fondi del PNRR andranno in tecnologie e non in rafforzamento dei servizi domiciliari e territoriali.

In soldoni, continuerà la sconcia privatizzazione della salute, nonostante sia sotto gli occhi di tutti la drammatica inconsistenza e inutilità della sanità privata durante la pandemia.

USB il 21 maggio sciopera e scende in piazza in tutta Italia per manifestare la propria opposizione a questa impostazione e rivendicare un modello sanitario realmente al servizio dei bisogni della popolazione, che elimini le diseguaglianze territoriali, reinternalizzi i servizi appaltati, garantisca assunzioni stabili ed elimini qualsiasi forma di precariato.

A Roma si terrà un presidio davanti al Ministero della Salute, anche in preparazione della manifestazione nazionale di sabato 22 alle 14 in piazza della Repubblica, le cui parole d’ordine partono da “Vaccini bene comune” per allargarsi alle tante crisi del sistema industriale italiano e alla lotta alle disuguaglianze.

Venerdì 21 alle 15, sul sito e sui social USB, si tiene il convegno internazionale online “Salute contro profitto”.

A seguire l’elenco delle iniziative territoriali che avranno luogo durante lo sciopero della Sanità pubblica e privata.

Torino - Ospedale San Giovanni Bosco, piazza del Donatore di Sangue 3, ore 15

Novara - ASL Novara, viale Roma 7, ore 10.30

Milano - Assessorato regionale Welfare, piazza Città di Lombardia lato via Restelli, ore 14,30

Trento - davanti alla Provincia, piazza Dante 15, ore 9

Venezia - Sede Rai, Campo San Geremia, ore 10

Bologna - Piazza Maggiore, ore 16

Firenze - Assessorato regionale Sanità,via Taddeo Alderotti, ore 10

Livorno - Ospedali Riuniti, viale Alfieri 36, ore 12

Ancona - Regione Marche, piazzale antistante via Gentile da Fabriano 9, ore 10

Roma - Ministero della Salute, Lungotevere Ripa 1, ore 10

Viterbo - Ospedale Belcolle, ore 10

Pescara - Assessorato regionale Sanità, via Conte di Ruvo 74, ore 10

Napoli - Palazzo Santa Lucia, via Raffaele de Cesare 18, ore 10

Molfetta - Ospedale Don Tonino Bello, ore 07

Catanzaro - ASP, via Vinicio Cortese 25, ore 10

Palermo - piazza Indipendenza, ore 10

Cagliari - Assessorato regionale Sanità, via Roma 223, ore 10

 

Unione Sindacale di Base

20-5-2021

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati